La poesia dei giorni

7 ottobre - Il mio babbo stasera Ŕ diventato un malato grave. Dio per la croce del suo Figlio mi perdonerÓ la mia disperazione.
11 ottobre - I medici pensano che sia inutile ogni cura, il babbo Ŕ quasi incosciente.
12 ottobre - Non posso pi¨ vivere in questa cupa tristezza, mi sforzo di alzare gli occhi sulle colline e sul cielo, colgo nella loro bellezza straordinaria quasi il limite tra visibile ed invisibile, oltre questo velo so che il babbo andrÓ e troverÓ subito il volto di Dio perchŔ egli Ŕ stato il poeta di quanto ci Ŕ dato cogliere d'ultrasensibile.
15 ottobre - Stasera uscendo ho trovato un cielo profondo appena increspato di altissime nuvole color di rosa. Ho capito che quel cielo attendeva e che bisognava cedere e accettare che fosse fatta la Sua non la mia volontÓ.
Il babbo Ŕ andato nell'eterno riposo, Ŕ entrato nell'eternitÓ serenamente, senza soffrire. Dio ha ascoltato le mie lunghe preghiere che gli fosse risparmiato il dolore e ne sento la Presenza.
17 ottobre - Mi hanno portato via il babbo, oggi non so sentire altro che la sua assenza fisica. Era l'Amico mio pi¨ caro; alla mia giornata Ŕ stata tolta l'ora pi¨ piena, quella in cui passeggiavamo insieme parlando e leggendo.
Ho fatto l'ultima volta con lui il Viale dei Colli, poi me lo hanno murato nel buio. Babbo aiutami!
24 ottobre - E il babbo mi ha aiutato circondandomi di una siepe di amici, c'Ŕ chi Ŕ venuto anche da lontano, nel loro affetto ho ripreso a respirare.
3 novembre - Stasera siamo tornati nel bosco di cipressi sul crinale del poggio col nostro piccolo Mario. Lui era felice di essere solo, senza le sorelle, col babbo e la mamma, io ho aspirato consolazione e pace dal suo piccolo amore.


Grazia Maggi


in La Voce dei Poveri: La VdP novembre 1963, Novembre 1963

menù del sito


Home | Chi siamo |

ARCHIVIO

Don Sirio Politi

Don Beppe Socci

Contatto

Luigi Sonnenfeld
e-mail
tel: 058446455

Link consigliati | Ricerca globale |

INFO: Luigi Sonnenfeld - tel. 0584-46455 -